È il 1800 e in questi anni viene piantato questo bellissimo albero di ulivo.

L’albero cresce e prospera negli anni insieme alla piccola azienda agricola dell’epoca che lo ha piantato.

Con il passare degli anni, a pochi metri da questo albero di olivo, in una piccola casetta di campagna, nel 1910 nasce un giovane ragazzo Zopito.

Zopito cresce e ha la possibilità di iniziare a lavorare in questa azienda agricola locale. La sua motivazione e la passione che ha nel coltivare l’olio extravergine di oliva lo portano negli anni a passare da semplice bracciante agricolo a capo operaio.

Però…

Nel 1930 viene improvvisamente a mancare il titolare dell’azienda. Nessuno dei suoi eredi era intenzionato a continuare l’attività di famiglia e per questo decisero di venderla.

In questo momento Zopito ha la sua opportunità e fonda Tenuta Irené riuscendo così a realizzare il sogno della sua vita.

Un sogno che era nato in lui quando era ancora bambino e che è cresciuto e maturato giorno dopo giorno insieme a lui.

Grazie alla sua passione ed esperienza riuscì a realizzare tanti prodotti di qualità come: olio, vino, pane, pasta, miele e passate di pomodoro; che vennero molto apprezzati dai consumatori. Tutto questo fu fondamentale per la nascita e la crescita di Tenuta Irené.

Devo dirti che mi rende sempre molto orgoglioso raccontare la storia del mio bisnonno Zopito e di come l’attività di famiglia è nata.

Dopo quasi 100 anni di attività adesso arrivo io. L’unica cosa che è rimasta dopo tutto questo tempo è questo bellissimo albero di ulivo, insieme ai terreni di famiglia dove ci sono i suoi “fratelli”.

Sono nato nel 1992 e cresco con gli insegnamenti del mio bisnonno Zopito e di mio nonno Romeo.

La passione per l’agricoltura non è nata immediatamente, ma solo dopo aver completato il mio percorso universitario.

È il 2015 e Tenuta Irené è solo un lontano ricordo. L’attività è ferma da 4 anni e gli oltre 1000 uliveti presenti sui nostri terreni sono usati solo per produrre l’olio necessario alla nostra famiglia.

Terminato il mio percorso di studi sono tornato a passeggiare sui campi di famiglia e a rivivere i ricordi di quando ero bambino. Vedere l’attività ferma da anni e quei terreni semi incolti lasciati al loro destino generava in me una sensazione estrema di insoddisfazione.

Ma le competenze acquisite con il mio percorso universitario, l’amore tramandatomi dai miei nonni e bisnonni unito ad un desiderio ardente di rivedere Tenuta Irené fiorente come nei racconti del mio bisnonno; mi hanno dato la carica per riavvirare l’attività e per tornare a produrre quei prodotti genuini di cui il mio bisnonno Zopito andava tanto fiero.

Seguendo il suo insegnamento può importante:

“Produci ogni prodotto ricordandoti di essere tu il suo primo consumatore”